«L’uomo cantami dea, l’eroe del lungo viaggio, colui che errò per tanto tempo dopo che distrusse la città sacra di Ilio. Vide molti paesi, conobbe molti uomini, soffrì molti dolori, nell’animo, sul mare, lottando per salvare la vita a sé, il ritorno ai suoi compagni»

Inaugura questo venerdì a Officine Fotografiche, iDyssey, il progetto del pluripremiato fotografo Stefano De Luigi che attraverso i suoi scatti ripercorre, via mare e via terra, il tragitto dell’eroe Ulisse narrato nell’Odissea da Omero: dodici tappe che attraversano il Mediterraneo, da Troia a Itaca, dalla Turchia alla Tunisia, all’Italia alla Grecia.

L’Odissea è considerata uno dei capolavori della letteratura Occidentale. È stata composta intorno al VIII sec. a.C. ed insieme all’Iliade è una delle più antiche e più influenti testimonianze della cultura occidentale. L’epopea trae le sue radici da una tradizione orale trasmessa da poeti e bardi itineranti che la declamavano, a volte accompagnati da una musica monotona, nei villaggi e nelle città del mondo antico.
Nella società contemporanea la rivoluzione informatica ha drasticamente cambiato la trasmissione delle informazioni e del sapere. Come il computer è diventato protagonista della nostra vita così gli smartphone dominano sempre più i vari mezzi di comunicazione. Uno di essi può funzionare contemporaneamente come radio, telefono, fotocamera, videocamera, microfono e, se necessario, come un telegrafo.
Con uno smartphone in tasca tutti possono essere dei narratori.

iDyssey è un progetto fotografico e multimediale che mira a collegare tra loro i due estremi della nostra civiltà: passato e presente. La più antica testimonianza della nostra eredità culturale, raccontata e rivisitata con il più contemporaneo dei media. Un’ Odissea contemporanea raccontata solo con l’ausilio di due iPhone.

Stefano De Luigi, immaginando un lavoro sui luoghi dell’Odissea ne perpetua la relazione con le tecnologie d’avanguardia, ieri le prime pellicole, oggi i supporti digitali, nuovi compagni ideali di viaggio, di cui esplora le infinite possibilità. Abituato a lavorare per progetti editoriali di lungo respiro, attento osservatore dell’evoluzione della società, De Luigi ha ripercorso il Mediterraneo operando un parallelo permanente tra il mondo classico e quello odierno.

Esistono diverse teorie che ricostruiscono il viaggio di Ulisse, partito da Troia alla volta di Itaca. Nessuna di esse ha mai potuto essere confermata. Tra le tante (inclusa un’ Odissea ambientata addirittura nel mar Baltico) Stefano ao scelto di seguire quella di un grande ellenista francese, Victor Berard, narrata nel suo Dans le sillage d’Ullysse del 1933. iDyssey, quindi, segue parte dell’ itinerario più comunemente accettato. Il progetto include ad oggi 12 tappe, da Troia ad Itaca, passando attraverso Turchia ,Tunisia, Italia e Grecia:

1. Troia (le rovine e dintorni – Turchia)
2. Ismaros (Alexandropolis –Grecia) ( I Ciconi)
3. Djerba ( Tunisia ) ( Mangiatori di loto)
4. Nisida ( Italia) ( I Ciclopi- Polifemo)
5. Stromboli (Italia) (Eolo)
6. Monte Circeo (Italia) (Circe)
7. Cumae ( Italia) ( Ingresso dell’Ade)
8. Palinuro (Italia) (Sirene)
9. Canale di Messina (Italia) (Scilla e Cariddi)
10.Trapani (Italia) (Isola del Sole)
11. Corfu (Grecia) ( Feaci)
12. Itaca (Grecia) (Ritorno di Ulisse)

In occasione della mostra, Officine Fotografiche ha lanciato il challenge fotografico #UlisseOggi su Instagram con la mediapartnership di Instagramers Roma e HuffingtonPost Italia.

Il challenge mira a far riflettere sul tema del viaggio come metafora della vita, come spunto per uno sguardo interiore, alla memoria, alle origini, al passato e come tensione al futuro. In questa chiave gli utenti sono chiamati a scattare, con i loro smartphone, immagini della loro quotidianità e a condividerle utilizzando l’hashtag #UlisseOggi.

Un invito a cogliere le sfumature del tema del viaggio che ognuno di noi fa ogni giorno in una contemporaneità ricca di sfide, insidie, glorie, memorie e luoghi. Per tracciare i confini del viaggio attraverso “lo sguardo digitale” dell’Ulisse Moderno, ovvero di tutti noi.

Il challenge durerà fino al 15 febbraio 2015 e, al termine, i migliori scatti saranno proiettati durante il finissage della mostra iDyssey il 27 febbraio a Roma alle OfficineFotografiche.

Il challenge #UlisseOggi è parte del progetto “La metafora del viaggio ai tempi di Internet”, realizzato con il sostegno di Roma Capitale – Assessorato alla Cultura, Creatività e Promozione Artistica – Dipartimento Cultura – Servizio Spettacolo ed Eventi.

officinefotografiche.org
“iDyssey” di Stefano De Luigi
Dal 9 al 27 febbraio 2015
Dal lunedì al venerdì 10.30-13.30 / 14.30 – 19
sabato e domenica chiuso | Ingresso gratuito
Officine Fotografiche Roma (via Giuseppe Libetta, 1)