foto di Alessia Laudoni
Definita dal sociologo catalano Manuel Delgado “la cittá bugiarda”, Barcellona riesce sempre a far parlare di sé e non lascia mai indifferenti i viaggiatori che arrivano da tutto il mondo.
Molti turisti ripetono l’esperienza del viaggio più di una volta perché sono attratti dai prezzi accessibili, un buon clima (in media 339 giorni di sole all’anno!), le spiagge, una ricca offerta culturale e culinaria, i club, e negli ultimi anni anche i festival internazionali di musica.
Spesso gli amanti della musica associano, infatti, la città ai festival San Miguel Primavera Sound o Sonar, ma da tre anni a questa parte un altro giovane e promettente festival contribuisce a posizionare Barcellona nella mappa delle città della musica: il Mutek.es.
Mutek è un’associazione culturale senza scopo di lucro fondata nel 2000 con il fine di contribuire allo sviluppo e alla diffusione della creatività digitale legata al suono, la musica elettronica e le arti audiovisive. Qualche anno dopo la sua nascita, il Mutek è approdato in Messico, Argentina, Cile e dal 2009 è gradito ospite della capitale catalana.
Per la terza edizione del festival, tra gli artisti in programma dall’8 al 11 febbraio, vedremo: Luomo, Danuel Tate, Deadbeat, Eddie C, Dilo, Falty Dl, Rob Hall, Shackleton, Brandt Brauer Frick, Dockser, Pulschar, San Proper.
Diversi i punti di incontro per la musica, le interviste con gli artisti, i workshop e le conferenze: tra questi la mitica sala Apolo, il club Moog, l’affascinante Convent di Sant Augusti o lo spazio polivalente Miscellania.
Torna ad essere parte della programmazione del festival anche il progetto LiveSoundtracks che quest’anno vede come protagonisti per la sonorizzazione di due film d’autore il produttore finlandese Sasu Ripatti (Luomo), che suonerà con l’alias di Vladislav Delay, e la giovane artista colombiana Lucrecia Dalt.
Dulcis in fundo, ci saremo anche noi di TravellingAroundMusic per dirigere un panel sul fenomeno del turismo musicale, quindi veniteci a trovare!
Se invece una terribile influenza dovesse impedire la vostra partenza, potete sintonizzarvi su Struments Radio per seguire in streaming i live e gli altri appuntamenti del festival.
Anna Mastrolitto