my american trip

my american trip

1. Mai montare la tenda a meno di 3 km da un passaggio a livello, a meno che non vogliate essere svegliati ogni 40 minuti dal fischio del conduttore del treno.

2. Se andate a cavallo con un cowboy e volete evitare duelli verbali mettetevi un paio di jeans: inutile provare a spiegargli che esistono materiali ben più adatti.

3. Nelle zone rurali scoprirete presto che la metà dei ristoranti indicati dal vostro GPS ha chiuso. Viaggiate sempre con delle scorte di cibo specialmente se siete vegetariani.

4. Se volete un cappuccino preparatevi a spendere troppo e ad aspettare un’eternità.

5. Accettate questo inspiegabile fatto della vita e approfittatene per esercitare la santa virtù della pazienza. In compenso sarete autorizzati a usare il coffee house come ufficio per ore e ore.

6. Le pareti dei motel sono molto sottili. Prima di chiamare la polizia assicuratevi che nella stanza accanto non si stia praticando del banale role-playing.

7. I prati americani non sono fatti per sdraiarcisi sopra, a meno che non vogliate provare l’ebbrezza di essere assaliti da zecche e chigger

8. Se mangiate al ristorante state ingerendo cibi geneticamente modificati: soia e mais sono presenti dappertutto come oli, sciroppi e additivi di ogni genere.

9. No, i vostri capelli non hanno subito un repentino invecchiamento. L’acqua di rubinetto americana è ancora più dura di quella di Roma. Usare tanto balsamo.

10. Il cameriere medio in America guadagna tre dollari l’ora. Se non lasciate almeno il 20% di mancia il vostro karma rischia una caduta a picco.

11. Davvero, lasciate una mancia abbondante. Non facciamoci riconoscere.

12. Se l’automobilista di fianco a voi indossa un cappello da cowboy ha certamente una pistola nei pantaloni o nel pick-up. Non fatelo arrabbiare.

13. Se state attraversando l’America a cavallo e qualcuno vi chiede se viaggiate con una pistola, dite sempre di sì. A meno che non si tratti di un poliziotto.

14. Se comprate qualcosa e per qualunque motivo non siete soddisfatti, faranno di tutto per rendervi contenti: il capitalismo l’hanno “perfezionato” loro, approfittatene.

15. Il sapone intimo è impossibile da trovare. Portatevelo dall’Italia o rassegnatevi a usare lo shampoo. Sappiate che il PH è sbagliato, però.

16. In America le uova si mangiano a colazione. Se le mangiate a pranzo o a cena poi non lamentatevi se gli americani bevono il cappuccino alle quattro.

17. Se guidate su strade di montagna o nel deserto il cellulare sarà spesso perfettamente inutile. are molte ore prima di vedere passare un’altra macchina. Abbiate sempre una riserva di cibo e acqua.

18. Le tarantole non sono poi tanto velenose, ma i serpenti a sonagli sì.

19. Niente cibo nella tenda. Orsi.

20. Se fate il bagno in fiumi e laghi evitate di tuffarvi e inalare acqua: le amebe mangia-cervelli stanno mietendo vittime. Global Warming.

21. A nessuno importa davvero come stiate ma tutti ve lo chiederanno. È un mantra. Rispondete: «Good, how are you?»

22. In America la segnaletica stradale non ha puro scopo decorativo. Se vi ferma la polizia aprite il finestrino, non scendete dalla macchina e tenete le mani sul volante.

23. Quasi tutti i parchi, federali e statali, hanno campeggi attrezzati, spesso gratuiti. Comprate una mappa stradale e cercate il simbolo della tenda.

24. Quando sono a pagamento è importante avere la cifra esatta da mettere in busta. In genere dieci dollari.

25. Privilegiate i parchi sperduti in mezzo al nulla, dove i guardaparco sono molto annoiati e si sentono soli. Saranno ben felici di aiutarvi e intrattenervi.

26. Cristoforo Colombo non è molto popolare in ambienti radicali. Evitate di vantarvi delle sue origini italiane. È un po’ come se gli americani fossero fieri di George Bush.

27. Se siete in una città che non conoscete evitate di fidarvi ciecamente del vostro GPS: potrebbe farvi passare attraverso un quartiere da evitare se avete cara la vita.

28. No, non siete ringiovaniti all’improvviso. Se ordinate alcolici vi chiederanno la carta d’identità anche se siete la mummia di Tutankhamon.

29. Se volete essere l’anima della festa basta pronunciare la parola Berlusconi. Matte risate garantite.

30. Se volete continuare ad essere l’anima della festa cantate la sigla di Willy il Principe di Bel Air in italiano.

CORRELATI A QUESTO ARTICOLO:

UNA LADY NEL WEST

MI RACCONTI L’AMERICA?