Dal 9 maggio all’8 settembre 2013, all’interno della suggestiva cornice dei Mercati di Traiano – Museo dei Fori Imperiali, ospite la rassegna fotografica T.R.I.P. – Travel Routes In Photography.

La mostra a cura di Arianna Rinaldo è promossa da Roma Capitale, Assessorato alle Politiche Culturali e Centro Storico – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, con l’organizzazione di the trip magazine e Zètema Progetto Cultura, in collaborazione con Antonio Carloni, direttore del festival Cortona On The Move. T.R.I.P. – Travel Routes In Photography diventerà presto anche un documentario scritto da Tommaso Martelli e diretto dal regista Pierluigi Ferrandini, destinato alla programmazione sul canale tematico SKY Arte HD.

Sito ufficiale della mostra: tripexhib.it


«Tu viaggi troppo. Ma attenzione, non c’è niente che sia meno nutriente dei viaggi, ti basta un paese nuovo e il cuore ti si emoziona, la testa ti gira, un infinito si apre nuovo per te, un ridicolo piccolo infinito, e tu ci caschi dentro. Il viaggio è la ricerca di questo nulla, di questa piccola vertigine per ingenui». da L’ingenuo di Giorgio Gaber

Travel Routes In Photography è un mondo per ingenui[*]. È un parco dei divertimenti per chi dell’ingenuità ha fatto una virtù. Noi sgraniamo gli occhi e ci stupiamo, siamo meravigliati, incuriositi, sedotti da ciò che è altro da noi.

Vagabondiamo osservando, esploriamo imparando, camminiamo comprendendo.

Ingenuamente, da uomini liberi.

Simon Norfolk dà un senso al “suo” Afghanistan ripercorrendo le orme di un pioniere della fotografia, Elaine Ling riflette sulla vita andando in cerca di qualcosa che sul Pianeta vive più a lungo di qualsiasi altra, Giancarlo Ceraudo si addentra nell’anima di una Cuba che gli altri non vogliono guardare, ne carpisce il disagio e la malinconia e li trasforma in bellezza. Cristina e Middel fa qualcosa di straordinario: viaggia attraverso il tempo e lo spazio, mettendo in scena un sogno mai realizzato, perché un sogno – per quanto improbabile sia – merita sempre di essere realizzato.

[*] [dal lat. ingenuus, comp. di in-1 e tema gen– di gignĕre,genusgenerare, ecc.; propr. «indigeno, nativo; nato libero», poi «onesto, schietto, semplice»]

Veronica Gabbuti


Arianna Rinaldo – la curatrice

Arianna Rinaldo è una professionista freelance che si occupa di fotografia a tutto tondo. È il direttore della rivista OjodePez, il trimestrale di fotografia documentaristica pubblicato da LaFabrica, Madrid.
La relazione con la fotografia inizia nel 1998, quando a New York diviene direttore dell’archivio dell’agenzia Magnum Photos. Tornata in Italia nel 2001, è photo editor della rivista Colors, per la quale commissiona progetti di documentazione e di ricerca in tutto il mondo a numerosi fotografi internazionali.
Con sede a Milano dal 2004 al 2011, Arianna è stata curatrice freelance per mostre e progetti di libri, e consulente fotografica per D, il supplemento settimanale del quotidiano La Repubblica.
Collabora con le maggiori case editrici a progetti speciali, ed è stata in diverse giurie alle letture di portfolii in tutto il mondo. Nel 2009 Ha fatto parte della giuria del World Press Photo.
Trasferitasi a Barcellona nel 2012, Arianna continua a portare avanti progetti fotografici a livello internazionale. È anche il direttore artistico di Cortona On The Move, un nuovo festival internazionale di fotografia in Toscana, con una particolare attenzione al tema del Viaggio.

footer_CS