Tempo di lettura: 1 min

Dream of Venice in Black and White è un progetto di narrativa fotografica in chiaroscuro, realizzato da più di 50 fotografi appartenenti a 10 Paesi a cura di Joann Locktov. Gli autori hanno sviluppato un reportage collettivo per creare un’eredità visiva di elegante realismo attraverso una sofisticata analisi della luce e dell’ombra. La prefazione è firmata da Tiziano Scarpa, romanziere e drammaturgo italiano originario di Venezia, il quale con una provocatoria riflessione della sua vita di veneziano doc, affronta la tematica del “cambiamento perpetuo”. Scarpa espone le complesse questioni che minacciano la sopravvivenza di Venezia,  svelando una città straordinaria e complessa. Dream of Venice in Black and White è un’ opera dedicata ad uno dei più grandi fotografi contemporanei del nostro paese: Gianni Berengo Gardin.

di Samyra Musleh

Edito da Bella Figura Pubblications

 

 

Articolo precedenteWaiting – Una Puglia in letargo
Articolo successivoLibano, viaggio nel paese dei cedri scomparsi
Samyra Musleh
Antropologa, giornalista scientifica e copywriter è redattrice per ThetripMag a tempo pieno. Ibrida dalla nascita, metà italiana e metà giordano palestinese, vive rincorrendo la cosa che ama di più: andare a caccia dei vocaboli giusti per raccontare storie che rimangano impresse. Ama la natura ma anche la tecnologia, i contesti multiculturali, il giornalismo d’inchiesta e i libri di fantascienza. È sempre alla ricerca di qualcosa di nuovo da sperimentare e posti nuovi da conoscere. Iperattiva e versatile, prova a reinventarsi ogni giorno per non soccombere alla giungla urbana che la circonda insieme al suo fidato compagno di vita a 4 zampe.