Tempo di lettura: 1 min

Negli ultimi anni il gelido deserto artico d’Europa è diventato una destinazione turistica sempre più popolare. Ma è davvero possibile gestire un numero crescente di turisti in un ecosistema così fragile?

Un progetto transfrontaliero tra Finlandia, Svezia e Norvegia chiamato Visit Arctic Europe sta tentando di fare proprio questo. Dal 2015 ha riunito 120 aziende e una dozzina di tour operator nel tentativo di proteggere meglio l’ambiente incontaminato, alimentando un turismo sostenibile.

Un requisito fondamentale per le aziende coinvolte in Visit Arctic Europe è di essere sostenibili. Sostenuto dal programma europeo Interreg Nord, dal 2015 il progetto ha ricevuto quasi 13 milioni di euro.

Samyra Musleh

Articolo precedenteCinema di viaggio: 3 titoli da non perdere
Articolo successivoUna gita sul Monte Livata – una delle montagne di Roma
Antropologa, divulgatrice scientifica e content manager è caporedattrice per ThetripMag a tempo pieno. Ibrida dalla nascita, metà italiana e metà giordano palestinese, vive rincorrendo la cosa che ama di più: andare a caccia dei vocaboli giusti per raccontare storie che rimangano impresse. Ama la natura ma anche la tecnologia, i contesti multiculturali, il giornalismo d’inchiesta e i libri di fantascienza. È sempre alla ricerca di qualcosa di nuovo da sperimentare e posti nuovi da conoscere. Iperattiva e versatile, prova a reinventarsi ogni giorno per non soccombere alla giungla urbana che la circonda insieme al suo fidato compagno di vita a 4 zampe.