Tempo di lettura: 1 min

Madagascar, Vietnam e Galàpagos. La World Sustainability Organization, da anni attiva nella tutela dell’ambiente e delle specie in pericolo, attraverso i suoi programmi di certificazione Friend of the Sea e Friend of the Earth, ha deciso di estendere il suo impegno al settore dei viaggi. Questo non solo attraverso l’ideazione di una certificazione per agenzie di viaggio che rispettino specifici criteri di sostenibilità, ma anche organizzando itinerari unici e personalizzati con partner selezionati ed esperienze di volontariato attivo sul territorio.

Il progetto in Vietnam

Hanoi, situata sulle rive del Fiume Rosso, è una delle capitali più antiche del mondo, con oltre 1000 anni di storia. Una città dalle molteplici ricchezza, come tutto il Vietnam del resto, che vanta una biodiversità tra le più ricche al mondo, comprese le sue specie endemiche, rare e preziose.

Grazie al tour promosso dalla (Wsf), il ramo no-profit della World Sustainability Organization, il viaggio, organizzato questo scorso 9 marzo e guidato da un naturalista, ha contribuito alla conservazione della fauna selvatica del Vietnam attraverso una collaborazione con Save Vietnam’s Wildlife (Svw), no-profit locale per la tutela ambientale. Il tour operator che ne ha permesso la riuscita è stato Scuba Cruise, un’azienda specializzata in crociere subacquee con oltre 30 anni di esperienza.

Il progetto nelle Galápagos

Dal 5 al 12 agosto, invece, si viaggerà verso le Galápagos. Anche questa volta con l’obiettivo di sostenere importanti progetti di conservazione marina nell’arcipelago ecuadoriano, situato a circa 1000 km al largo della costa nell’oceano Pacifico. In questo itinerario, la collaborazione con la World Sustainability Foundation sarà finalizzata a supportare il lavoro del Galapagos Conservation Trust (GCT).

“Le isole incantate” sono la terra natìa delle testuggini più grandi al mondo e questa esperienza offrirà ai partecipanti un’occasione unica per esplorare le sue meraviglie faunistiche e allo stesso tempo per poter contribuire in modo significativo alla sua preservazione.

Articolo precedenteVilla Torlonia, tra civette e storia
Samyra Musleh - Chief Editor
Antropologa, divulgatrice scientifica e content manager è caporedattrice per ThetripMag a tempo pieno. Ibrida dalla nascita, metà italiana e metà giordano palestinese, vive rincorrendo la cosa che ama di più: andare a caccia dei vocaboli giusti per raccontare storie che rimangano impresse. Ama la natura ma anche la tecnologia, i contesti multiculturali, il giornalismo d’inchiesta e i libri di fantascienza. È sempre alla ricerca di qualcosa di nuovo da sperimentare e posti nuovi da conoscere. Iperattiva e versatile, prova a reinventarsi ogni giorno per non soccombere alla giungla urbana che la circonda insieme al suo fidato compagno di vita a 4 zampe.