Tempo di lettura: 1 min

La Foresta di Białowieża si trova al confine tra la Bielorussia e la Polonia. È un’antica foresta vergine a rappresentare tutto ciò che resta dell’immensa foresta che migliaia di anni fa si estendeva su tutta l’Europa.

Voglio raccontarvi del mio viaggio, realizzato durante le riprese del documentario “Habitat – la geografia degli altri”, che mi ha portato a conoscere uno dei problemi più importanti di questa regione. Nella radura di Białowieża, in Polonia, c’è una foresta costantemente attaccata dagli interessi economici degli uomini che come sempre mettono in serio pericolo flora e fauna degli habitat in nome del profitto.

In questo conflitto tra uomo e natura, una delle specie più a rischio di estinzione è il Bisonte Europeo, straordinario animale presente solamente qui.

Grazie però agli sforzi di governi lungimiranti, ma soprattutto di attivisti come Adam Wairak, giornalista ambientale, queste creature sono tornate ad arricchire la biodiversità di un luogo che tutti noi abbiamo il dovere di proteggere.

di Marco Barretta

 

Articolo precedentePadova, una città a misura di studente.
Articolo successivoSeguendo la Fiumara Amendolea
Marco Barretta è documentarista e autore romano che da vari anni si occupa di progetti complessi di comunicazione visiva e transmediale. È stato regista del documentario Race Around Ireland, poi trasmesso da Sky Bike Channel, e autore e direttore della fotografia del documentario “Habitats - la geografia degli altri”. È inoltre uno degli autori del progetto Adaptation, dedicato all’adattamento al cambiamento climatico e prodotto in collaborazione con The Trip Agency e che vanta media partnerships con enti governativi e grandi aziende private. Barretta è anche pilota di droni professionista, fotografo certificato Google Maps e diplomato Direttore della Fotografia presso la Vision Academy. Ha esperienza nell’utilizzo di tecnologie innovative quali video e foto a 360 gradi e della Realtà Virtuale, soprattutto in occasione di mostre ed eventi. In qualità di autore di comics ha scritto delle graphic novel per case editrici di livello internazionale quali Panini Comics e Tunué, vincendo anche il premio Boscarato dedicato al miglior fumetto per ragazzi.