Tempo di lettura: 1 min

L’Egitto è una di quelle terre che mi ha sempre affascinato, un paese pieno di storia e di luce. Ho avuto l’occasione di navigare il Nilo su una delle loro caratteristiche navi, che lentamente percorre il suo viaggio da Luxor ad Aswan, catturato dalla sua atmosfera che sembra essere in competizione tra caos e pace.

Durante la navigazione si possono notare il susseguirsi delle coltivazioni intensive sulle sponde del fiume che trasformano spesso il suo letto in un viavai di persone piene di colori e di speranze.

Una piccola curiosità: salvo rare eccezioni, le necropoli egizie si trovavano sulla riva sinistra del Nilo dove, secondo gli antichi, era collocato il mondo dei morti. Questo alternarsi di sensazioni, tra vita e morte, è secondo me il cuore pulsante della loro cultura, che vissuta al placido scorrere del fiume, ti porta in un’epoca dove cielo e terra erano una cosa soltanto.

Articolo precedenteVancouver Island. L’inizio di un viaggio
Articolo successivoPadova, una città a misura di studente.
Marco Barretta è documentarista e autore romano che da vari anni si occupa di progetti complessi di comunicazione visiva e transmediale. È stato regista del documentario Race Around Ireland, poi trasmesso da Sky Bike Channel, e autore e direttore della fotografia del documentario “Habitats - la geografia degli altri”. È inoltre uno degli autori del progetto Adaptation, dedicato all’adattamento al cambiamento climatico e prodotto in collaborazione con The Trip Agency e che vanta media partnerships con enti governativi e grandi aziende private. Barretta è anche pilota di droni professionista, fotografo certificato Google Maps e diplomato Direttore della Fotografia presso la Vision Academy. Ha esperienza nell’utilizzo di tecnologie innovative quali video e foto a 360 gradi e della Realtà Virtuale, soprattutto in occasione di mostre ed eventi. In qualità di autore di comics ha scritto delle graphic novel per case editrici di livello internazionale quali Panini Comics e Tunué, vincendo anche il premio Boscarato dedicato al miglior fumetto per ragazzi.